Archivi categoria: educazione

Si ricomincia…attività di accoglienza…dal web

Quando inizia un nuovo anno scolastico è importante parlare di accoglienza; ci sono nuovi bambini da accogliere, c’è da riallacciare il filo con coloro che hanno già frequentato in modo che si sentano ancora una volta accolti.

Il momento dell’accoglienza è’ il risultato di un progetto educativo che richiede intenzionalità, condivisione e collegialità e può rappresentare un’idea chiave del fare scuola.

Accogliere un bambino significa prima di tutto interessarsi alla sua storia, creare connessioni tra la sua vita a casa e le esperienze che compie a scuola, ricercare modalità di comunicazione con la famiglia.

Continua a leggere

Share

Prova di attenzione e velocità

Nel mio Istituto una delle priorità che abbiamo stilato per gli alunni è la lettura autonoma della consegna e la sua comprensione…capita sempre più spesso infatti che i bambini cerchino di “intuire” cosa fare senza leggere o che “interpretino” a modo loro il da farsi…oppure bambini che continuano a venire a chieder e spiegazioni o che vogliano farlo dire a te cosa bisogna fare…

Sono state messe in atto diverse strategie in modo orizzontale (tutte le materie) e verticale (tutte le classi) per cercare di portarli sempre più all’autonomia ma nonostante ciò ieri in classe 4a ho avuto più di un segnale che ancora non ci siamo… Continua a leggere

Share

Farfalle…Giornata della memoria 2017

Per la giornata della memoria quest’anno tutta la scuola è stata coinvolta in una bellissima e interessante attività di animazione e lettura in cui abbiamo capito come gli ebrei e non solo fossero stati presi di mira, maltrattati, denigrati, umiliati, “minati dentro”, stipati, privati, deportati e alla fine sterminati….

Tra i vari campi di concentramento c’era il ghetto di Terezìn. Fu il maggior campo di concentramento sul territorio della Cecoslovacchia. Nel periodo che durò il ghetto – dal 24 novembre 1941 fino alla liberazione, avvenuta l’8 maggio 1945 – vi passarono  140.000 prigionieri e vi morirono circa 35.000 detenuti. Continua a leggere

Share

Mediaexpo 2016

Quest’anno sono stata contattata per partecipare con il mio Istituto Comprensivo a Mediaexpo…Laboratori e Creatività

mediaexpo

Cosa è Mediaexpo?
Io non la conoscevo anche se è già al 19° anno…si tratta di tre giorni di incontri, scambi, arricchimento e crescita tra tutti coloro che amano la scuola…la buona scuola…la bella scuola…la scuola in cui i nostri alunni sono protagonisti e noi insegnati cerchiamo sempre novità e strategie per aiutarli, guidarli, interessarli e stimolarli…. Continua a leggere

Share

19 febbraio: M’illumino di meno…classe 5a

Oggi 19 febbraio giornata del risparmio energetico

384788_1

Dopo un intervento in classe della locale delegazione di Croce Rossa Italiana per sensibilizzare al tema e sollecitare la messa in pratica di alcuni piccoli e semplici accorgimenti…non solo oggi…tutti i giorni…. Continua a leggere

Share

Poesie sulla Shoah

Un paio di scarpette rosse

C’è un paio di scarpette rosse
numero ventiquattro
quasi nuove:
sulla suola interna si vede
ancora la marca di fabbrica
Schulze Monaco
c’è un paio di scarpette rosse
in cima a un mucchio
di scarpette infantili
a Buchenwald
più in là c’è un mucchio di riccioli biondi
di ciocche nere e castane
a Buchenwald
servivano a far coperte per i soldati
non si sprecava nulla
e i bimbi li spogliavano e li radevano
prima di spingerli nelle camere a gas
c’è un paio di scarpette rosse
di scarpette rosse per la domenica
a Buchenwald
erano di un bimbo di tre anni
forse di tre anni e mezzo
chi sa di che colore erano gli occhi
bruciati nei forni
ma il suo pianto
lo possiamo immaginare
si sa come piangono i bambini
anche i suoi piedini
li possiamo immaginare
scarpa numero ventiquattro
per l’eternità
perché i piedini dei bambini morti
non crescono
c’è un paio di scarpette rosse
a Buchenwald
quasi nuove
perché i piedini dei bambini morti
non consumano le suole…
JOYCE LUSSU Continua a leggere

Share

La recita di Natale a scuola

Ultime settimane di scuola prima delle vacanze natalizie e in moltissime scuole fremono i preparativi per le recite natalizie.

Oggi girovagando in rete ho trovato questo articolo ben fatto che analizza molti ed interessanti aspetti delle recite scolastiche…aspetti educativi e didattici, ludici emozionali ecc..

Lo condivido con voi perchè anche se qui il focus è più sulla scuola dell’Infanzia anche per la primaria si possono trovare parecchi punti di riflessione e di approfondimento…bello!!!
Eccolo:

La recita di Natale a scuola: perchè si fanno le recite natalizie a scuola? I bambini che giovamento traggono dalla recita?”

001

 

 

Share

Brain Gym per cominciare bene la giornata

Conoscete il Brain Gym?

brain-gym

Noi per alcuni anni abbiamo fatto alcuni corsi di aggiornamento sul brain gym tenuti dalla splendida Sigrid Loos (http://www.sigridloos.com/braingym_ita.html) e lo abbiamo introdotto nelle classi…si tratta di una serie di semplici ma efficaci esercizi fisici da fare per migliorare l’attenzione, la partecipazione e…svegliare il cervello!!! Continua a leggere

Share

Back to school..

Il ritorno a scuola dei nostri ragazzi si avvicina e vorrei augurare buon anno a loro e alle loro famiglie e tanto entusiasmo nell’affrontare l’esperienza scolastica con alcune fotografie che ho trovato sul web anche a  questa pagina  e questa e che fanno davvero riflettere…

La maggior parte dei nostri bambini fa storie per andare a scuola, per alzarsi al mattino, a volte perde il pulmino o fa capricci per essere portato con l’automobile….a chi non è mai mai mai successo????

La maggior parte non sa che in paesi di tutto il mondo in via di sviluppo, la scuola è un lusso e una fortuna e per raggiungerla qualcuno fa percorsi degni di una gara di trial…sulle  montagne di Gulu, dalla Cina al Himalaya indiano, in Africa e America del sud, in Asia…. queste foto folli faranno senz’altro riflettere…

Buon inizio e…buon Cammino!!!

2 Continua a leggere

Share

Consigli per un buon inizio…

Si sta avvicinando  anche il giorno dell’inizio scuola dei bimbi, quelli della scuola dell’infanzia saranno i primi, poi pian piano le primarie, le secondarie di primo e secondo grado.

Per tutti un nuovo inizio è fonte di ansia e in qualche modo di un po’ di preoccupazione…non solo per gli insegnanti ma anche e soprattutto per i genitori e allora…lasciamoci consigliare da chi ne sa…da chi da anni lavora con i ragazzi, i bambini e i loro genitori e che può dare alcuni utili e rassicuranti consigli, soprattutto ai genitori!!!

ritorno-a-scuola

11 CONSIGLI PER UN SERENO RIENTRO A SCUOLA scritto da STEFANIA DI LEVA

“…La ripresa di una quotidianità, sopita dalle lunghe vacanze estive, porta così alla luce aspetti emotivi intensi, che vanno dal polo positivo, della gioia del ritrovarsi e della curiosità di sperimentarsi in quello che sarà un nuovo percorso, al polo negativo, dell’ansia, dell’affanno, sin della confusione, nella foga di arrivare pronti al primo giorno tra i banchi di scuola….”

Share