Piccolo Principe classe 5a: Ti spaventa il mio disegno?

Abbiamo cominciato la lettura del piccolo principe e siamo rimasti incantati dai disegni contenuti nel libro e dalla narrazione coinvolgente…

Nel primo capitolo l’Aviatore racconta di come è nata la sua passione per il disegno e del suo primo disegno…un “cappello” per molti ma per lui “un boa che aveva inghiottito un elefante….

 

Anche a noi l’idea è piaciuta…disegnare un boa che ha inghiottito……e poi domandarci a cosa somiglia? si può capire cosa ha inghiottito o no?

Abbiamo preso un foglio A3 e lo abbiamo piegato a metà, preso orizzontalmente lo abbiamo aperto…all’interno disegneremo il boa con il “ripieno” e all’esterno il boa completo…

Ognuno di noi ha scelto una animale o un oggetto (il nostro boa speciale inghiotte anche oggetti) e dopo aver trovato o stampato un’immagine che ci piace lo ha copiato al centro del foglio…

Io trovo che la copiatura sia un importante esercizio per osservare i particolari, per curare forme e dimensioni, per fissare l’attenzione ed essere scrupolosi…e può dare soddisfazione anche a quei bambini che “non si sentono portati” per il disegno…

Il disegno è stato finito e colorato con cura e precisione con i pastelli, all’esterno poi abbiamo disegnato il corpo del boa che lo aveva inghiottito…e lo abbiamo ripassato con un pennarello sottile nero.

Abbiamo poi chiuso il foglio e servendoci della luce della finestra abbiamo “ripassato” sulla parte esterna il contorno, solo il contorno del corpo del boa…

Abbiamo colorato il corpo del boa e ripassato il contorno con un pennarello…eccoli qui…esterno ed interno…

 

Abbiamo riflettuto e visto che alcuni oggetti erano più facilmente identificabili, come la farfalla o il coniglio, altri meno come il castoro o il camaleonte…

Abbiamo anche concluso che come l’aviatore anche noi disegniamo oggetti che non ci vengono tanto bene o che non sono capiti dagli altri…un po’ come i nostri racconti e le nostre riflessioni da bambini…è difficile esprimerle e a volte non sono capite….

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*