Archivi tag: educazione

Inglese: CALL ME gioco per memorizzare le nuove parole

Spesso dopo aver iniziato una nuova unit o dopo un progetto particolare, fin dalla classe 1a per fissare le parole, la pronuncia e anche il significato, il VOCABULARY faccio il gioco del “CALL ME”, io con i bimbi lo chiamo così.

vocab

Si individuano i termini da ricordare e si scrivono su dei fogli di carta in una grafia abbastanza grande e chiara e poi vengono posizionati per terra in una linea.

IMG_6328 Continua a leggere

Share

Saint Valentine’s Day in 4a

San Valentino a scuola?

Beh, inserito nell’ottica della tradizione Americana del festeggiamento…. io penso che sia un’occasione per riflettere sull’amicizia, sui buoni sentimenti, sul trovare e sottolineare il positivo degli altri…

Ecco cosa ho preparato …. Continua a leggere

Share

Lettera di una maestra

…ho trovato girovagando in internet questa riflessione che condivido…nell’imminenza della consegna schede e all’indomani delle valutazioni quadrimestrali degli alunni…..

…una riflessione per tutti…

maestra

Una maestra, dopo aver consegnato le schede di valutazione ai genitori, scrive queste riflessioni sul voto nella sua bacheca:

“Non sono stata capace di dire no. No ai voti. Alla separazione dei bambini in base a quello che riescono a fare. A chiudere i bambini in un numero. Ad insegnare loro una matematica dell’essere, secondo la quale più il voto è alto più un bambino vale.
Il voto corrompe. Il voto divide. Il voto classifica. Il voto separa. Il voto è il più subdolo disintegratore di una comunità. Il voto cancella le storie, il cammino, lo sforzo e l’impegno del fare insieme. Il voto è brutale, premia e punisce, esalta ed umilia. Il voto sbaglia, nel momento che sancisce, inciampa nel variabile umano. Il voto dimentica da dove si viene. Il voto non è il volto.
I voti fanno star male chi li mette e chi li riceve. Creano ansia, confronti, successi e fallimenti. I voti distruggono il piacere di scoprire e di imparare, ognuno con i propri tempi facendo quel che può. I voti disturbano la crescita, l’autostima e la considerazione degli altri. I voti mietono vittime e creano presunzioni.
I voti non si danno ai bambini. In particolare a quelli che non ce la fanno.
La maestra lo sa bene, perciò è colpevole. Per non aver fatto obiezione di coscienza.”

Il “maestro” Manzi riportava nella scheda di valutazione di tutti gli studenti la stessa formula: “Ha fatto quel che può, quel che non può non fa”.

Share

Moduli e Ricoprimenti Classe 2a

In seconda ora è il momento di automatizzare “gli addendi ripetuti” anche a livello verbale; accompagnando la ripetizione delle sequenze dei multipli con delle azioni.

Bisogna superare il contare ad uno ad uno e arrivare alle sequenze dei numeri che chiamiamo numerazioni.

Ho dato ai bambini una superficie da ritagliare e incollare sul quaderno e ho detto loro che oggi avremmo fatto i piastrellisti…avremmo cioè ricoperto completamente la forma con una piastrella particolare chiamata modulo.

Cosa vuol dire modulo? Una cosa, in questo caso una FORMA che va ripetuta tante volte quante ce ne servono per ricoprire tutto lo spazio.

Incolliamo sul quaderno la forma scelta e poi cerchiamo il modo per ricoprirla con il modulo giallo….

“Maestra, il modulo giallo vale due!” Continua a leggere

Share

I viaggi di Giac…2a puntata: PUNTINIA

Seconda puntata del nostro amico Giac-omino, omino di carta di giornale costruito da un bimbo un giorno di pioggia e noia e che come per magia prende vita e comincia a far la conoscenza con alcuni personaggi…

Nella prima puntata abbiamo conosciuto e costruito Giac in tanti modi…ora seguiamo la sua prima avventura e conosciamo il suo primo amico PUNTO-LINO! Continua a leggere

Share

Shoah e Giornata della Memoria

… “se comprendere è impossibile,
conoscere è necessario
perché ciò che è accaduto può ritornare”… (Primo Levi)

Il “Giorno della Memoria” è una ricorrenza istituita con la legge 211 del 20 luglio 2000, dal Parlamento italiano che ha in tal modo aderito alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come giornata per ricordare  e commemorare la Shoah (in ebraico: “catastrofe”, “distruzione”, “desolazione”), le leggi razziali, la persecuzione, la deportazione, la prigionia e lo sterminio dei cittadini ebrei, dall’ altra, tutti coloro che pur in campi e schieramenti diversi si opposero a quel folle progetto di genocidio, non esitando a salvare altre vite e a proteggere in condizioni difficili i perseguitati, anche mettendo a rischio la propria vita. Continua a leggere

Share

La recita di Natale a scuola

Ultime settimane di scuola prima delle vacanze natalizie e in moltissime scuole fremono i preparativi per le recite natalizie.

Oggi girovagando in rete ho trovato questo articolo ben fatto che analizza molti ed interessanti aspetti delle recite scolastiche…aspetti educativi e didattici, ludici emozionali ecc..

Lo condivido con voi perchè anche se qui il focus è più sulla scuola dell’Infanzia anche per la primaria si possono trovare parecchi punti di riflessione e di approfondimento…bello!!!
Eccolo:

La recita di Natale a scuola: perchè si fanno le recite natalizie a scuola? I bambini che giovamento traggono dalla recita?”

001

 

 

Share

Vuoto e Pieno classe 2a

Per perfezionare la precisione nella coloritura all’interno dei margini e il tratto grafico, oggi abbiamo lavorato con delle sagome preparate da me che si prestano a tale scopo.

Su un cartoncino abbastanza robusto ho tracciato dei semplici disegno in centro che ho tagliato ed estratto grazie al taglierino..

IMG_3223    IMG_3242 Continua a leggere

Share

Christmas around the World

A Natale si scoprono le tradizioni dei vari paesi rispetto a questa suggestiva festa.

albero-di-natale-con-mappamondo_87265_407x229

Alcuni anni fa in uno scambio di auguri con i genitori i bambini di quinta hanno fatto una mini-ricerca e han cercato per ogni continente di scoprire alcune curiose tradizioni legate al Natale per farle conoscere anche agli altri…eccole!

Natale in Europa Continua a leggere

Share