Io ho…Chi ha…? – Tabelline 2a

Eccolo qui il nostro giochino del mattino….ormai siamo in terza, ci giochiamo dalla fine dello scorso anno e siamo diventati bravissimi!!!
Passeremo presto alla versione più difficile (che potete trovare qui)  con tutti i multipli…non solo alcuni…ma….fino ad ora ci siamo divertiti moltissimo e a furia di giocare le tabelline le sappiamo bene!

Ho realizzato questo file da stampare e ritagliare con le carte del gioco “Io ho…Chi ha…?” con le tabelline del 1 2 3 4 5 e 10…le prime che abbiamo incontrato e usato…

Come funziona il gioco?

Io ho stampato il file (che ho preparato apposta in bianco e nero sta volta, per non creare problemi in fase di stampa) su cartoncino colorato, plastificato e ritagliato.
Si tratta di 32 carte in cui nella parte sopra c’è una affermazione…del tipo…IO HO 27
e nella parte sotto una domanda…CHI HA 1X1?

Il bambino che ha il risultato di 1×1, leggerà ciò che è riportato sulla sua carta….affermazione e domanda e via così fino a che l’ultimo riporterà alla carta inziale…che è quella con la stellina!

Quindi ricapitolando…si distribuiscono a caso le carte tra i bambini, chi ha la stellina parte a leggere la sua carta e comincia il gioco a cascata con tutti gli altri…

I bambini si divertono molto…spera sempre di avere la carta con la stellina per poter cominciare il gioco e…in più si memorizzano velocemente i risultati delle moltiplicazioni…giocando!!!

Ecco il file allegato…buon lavoro e…fatemi sapere se anche ai vostri bambini piace molto come ai miei!!!


Se volete qui potete trovare un’altra versione dello stesso gioco che facevamo dalla seconda metà della seconda, con solo scomposizioni, addizioni, sottrazioni .
Versione con numeri romani (che abbiamo incontrato con la storia di Bubal) e senza
Lo potete scaricare qui

Giochi a stazioni con le tabelline, classe 3a

Stamattina abbiamo giocato con le tabelline ma in alcuni giochi a stazioni, ogni 20 minuti si riordinava il materiale ci si sanificava le mani e si passava al tavolo successivo…

DOMINO TABELLINE
Si gioca a coppie, ci si distribuiscono le tessere e si comincia posizionando uno vicino all’altro tabellina e risultato, vince chi rimane senza tessere per primo!

RUBA LA CARTA

Si gioca con le carte da scala in cui il J vale 8 la Q va alle 9 e il K vale 10
Si mescolano 20 carte e si distribuiscono tra i due giocatori.
Tenendo le carte coperte si estrae una carta alla volta ciascuno, si moltiplicano tra loro i valori delle carte e il primo che dice il risultato giusto della tabellina può prendersi le due carte. Se il risultato è detto contemporaneamente ognuno prenderà una carta.
Vince chi alla fine avrà collezionato più carte.

LANCIA I DADI E COLORA LA TABELLINA
Si gioca sempre a coppie su una griglia che contiene tutti i risultati delle tabelline riportati più volte. A turno si lanciano due dadi a 10 facce, in cui lo zero, vale 10 e si moltiplicano le cifre uscite sui due dadi.
Si colora quindi una delle caselline della griglia.
Allo scadere del tempo vince chi ha più colorato più quadretti.

 

COMPLETA LA TAVOLA PITAGORICA realizzata con le capsule….insieme aiutandosi e suddividendosi le capsule.

Alla LIM era proiettata la tavola Pitagorica per permettere di controllare e…in alcuni casi cercare i risultati!!!
La mattinata è volata via!!

Ecco il file con il gioco dei dadi e il domino delle tabelline in due versioni:

Classe 4a, Mastermind rivisitato

Lo spunto è stato un bellissimo problema del Rally Transalpino matematico (che trovate qui) riadattato dalla mia amica maestra Cristina per gli alunni di quarta a tema Halloween.
Lì bisognava scoprire seguendo gli indizi quali fossero le tre cifre del codice segreto.

Naturalmente subito mi è venuto in mente il gioco Mastermind che da piccola facevo che però era molto complesso e contemplava molte varianti…per cui ho pensato di semplificarlo per poterlo proporre ai bambini.
😍😍😍
Le regole sono semplici
* un bambino scegli un numero di tre cifre senza ripeterle (dopo alcune partite abbiamo provato anche con 4)🤭 e lo scrive su un foglietto (o sulla parte alta della scheda allegata che ritaglia e tiene segreto!)
* Gli altri bambini cercano di indovinarlo scrivendo le cifre in un griglia appositamente predisposta pensando al gioco classico
* La prima volta si scrivono 3 cifre “a caso” e il bambino che sa il codice colorerà i pallini in corrispondenza delle cifre in modo da dare indicazioni ai compagni.
Noi abbiamo stabilito che :
– se la cifra è giusta al posto giusto il pallino corrispondente sarà colorato di verde
– se la cifra è giusta ma al posto sbagliato il pallino verrà colorato di rosso
– se la cifra non è compresa nel codice si lascerà bianca.

* Utilizzando queste informazioni si procede fino a che non si raggiunge il codice segreto che avrà quindi tutti i pallini corrispondenti verdi.

Abbiamo prima fatto alcune partite tutti insieme alla LIM cercando di capire i ragionamenti che bisogna fare e cosa osservare e tenere d’occhio e poi abbiamo provato a piccoli gruppi.

Divertimento e successo assicurato punto in molti hanno voluto alcune schede che avevo preparato molto semplici per poterci giocare a casa.

In più abbiamo lavorato su lettura dei numeri, combinatoria composizione e scomposizione!!!

Ecco il file con le regole e le due griglia di gioco per codici a 3 cifre o 4 cifre…replicabile comunque tranquillamente su un foglio quadrettato!

Classe 3a…ancora Pinguini…

Continua il ripasso accoglienza matematica con il libro 365 pinguini.
Siamo arrivati al punto in cui in casa ci si ritrova con 60 pinguini…sono tantissimi…bisogna fare ordine!!!

Ma come sistemarli? Abbiamo provato anche noi a formare degli schieramenti, dei rettangoli ordinati prima con 18 pinguini, un po’ più semplice, facendolo insieme…aiutandoci e dandoci spunti a vicenda…

Poi a coppie abbiamo provato con 60 pinguini, cercando tutti i modi per poterli ordinare.
Avevo preparato io i pinguini per ogni coppia già ritagliati solo da…schierare!!!
Ci è servito anche il pavimento…perchè i banchi non erano sufficienti a volte!
Abbiamo trovato tutti i modi…sono tantissimi!!! 12 modi diversi!!!
Li abbiamo registrati sul quaderno.

 

Abbiamo poi proseguito realizzando un disegno con codici a colori, che ho realizzato in Zaplycode che ora permette anche di scaricare i codici non colorati ma con le sigle per ogni colore…geniale!!!

Ripassato poi la griglia 0-99 inserendo i numeri al posto giusto nella scritta 365 pinguini (che ho realizzato con Excell)

Poi una simpatica piramide pinguinesca di numeri, un puzzle di operazioni e infine perline stirabili per realizzare il nostro pinguino…

Tra attività, giochi, schede ci stiamo divertendo e intanto ricordiamo tutti i lavori fatti lo scorso anno…
Ma non è finita qui… Cosa ci riserverà il libro???
Quali altre avventure pinguinesche vivremo???

Ecco il file con le attività…buon lavoro!!!

 

Classe 3a…accoglienza con 365 Pinguini

Oggi a scuola è arrivato per noi di classe terza un bellissimo pacco tutto infiocchettato..
Eravamo molto curiosi….chi ce lo avrà mandato?

C’era anche un biglietto…a forma di pinguino!!! Diceva solo…Per i bambini di classe 3a…Buon divertimento!

lo abbiamo subito aperto e dentro abbiamo trovato… Un pinguino!
Inoltre c’erano dei foglietti Bianchi, una cartellina con alcune attività, e una misteriosa scatoletta di cartone…

   

C’era anche un bellissimo e grandissimo libro intitolato 365 pinguini.

Ci siamo chiesti il perché di questo titolo, qualcuno ha pensato che fosse il numero dei pinguini disegnato sul libro e quindi si è messo subito a contarli…ma abbiamo perso il conto dopo un pochino che stavamo contando…”Maestra! Sono tutti uguali mi confondo!!!!

Poi qualcuno super informato ha detto che 365 è il numero dei giorni dell’anno quindi magari c’è un pinguino per ogni giorno dell’anno… chissà…. Bisognerà leggere il libro per saperlo…propone qualcuno!

Quindi abbiamo aperto il libro e abbiamo iniziato a leggere alcune pagine in cui…. sí è proprio così c’è un pinguino per ogni giorno almeno per la prima settimana…
Sette giorni sette pinguini non si sa da chi arrivano e perché.

Abbiamo fatto un calcolo rapido e abbiamo capito che quindi nel primo mese dell’anno saranno arrivati 31 pinguini in famiglia!
….e qualcuno si è detto….31 pinguini??? ma dove metterli?
“In casa mia non ci starebbero!”
“In casa mia sì…potrei metterli nella stalla….è grande!!!”
“Ma no….dice qualcun altro…vanno tenuti nel freezer!”

Abbiamo poi sbirciato all’interno della scatoletta e trovato un pinguino origami per ognuno di noi, e tra le attività un messaggio segreto da decodificare con alcune operazioni che ci dava il benvenuto in 3a e un percorso a frecce che ci ha portato a ricostruire un bellissimo pinguino…

Abbiamo letto ancora alcune pagine e cercato di capire quanti pinguini avrebbero avuto in casa dopo un mese, dopo due o tre…con quel ritmo non ci sarà più posto!

Pensando alla nostra vita di classe ci siamo chiesti…ma se succedesse a noi…se fosse arrivato un pinguino per ogni giorno dall’inizio della scuola? Quanti pinguini?

E se ne arrivasse uno per ogni alunni della scuola? Per rispondere ci vuole il registro…servono i numeri degli alunni per classe…alcuni li sappiamo alcuni no…

E se arrivasse un pinguino per ogni giorno fino a Natale? In questo caso ci serve il calendario…come contare? Possiamo raggruppare per decine i giorni…sì ma è scomodo…poi il calendario va a capo…che pasticcio!
Possiamo contare per settimane…ma per sette poi non è molto comodo…
Poi l’idea…contiamo i giorni che mancano a settembre, poi i mesi interi, che hanno il numero…vedi, ad esempio ottobre arriva a 31…poi aggiungiamo i 25 giorni di Natale…

E…non è finita…cerchiamo strategie per facilitare i calcoli,…prima le decine poi le unità…poi mettiamo insieme i numeri che fanno una decina…e ce l’abbiamo fatta!!!
“Maestra…abbiamo scoperto anche quanti giorni mancano a Natale!!!”

     

Abbiamo poi fatto un’attività divertente e rilassante, un conta e colora con le moltiplicazioni, a tema pinguino modificato da una scheda presa qui

Nei prossimi giorni  nella lettura e chissà cosa succederà, chissà dove li metteranno tutti questi pinguini…

Se volete trovate qui il file con la copertina del libro, il messaggio di Benvenuto, il percorso a frecce e il conta e colora…tutto a tema pinguini!

Io conto – Anna Cerasoli

Pensando al lavoro da fare quest’anno in classe 4a ho portato con me in vacanza alcuni libri…
Oggi ho riletto tutto d’un fiato questo che da un po’ non riprendevo in mano…

“Io conto” di Anna Cerasoli... come sempre i suoi libri non deludono mai per grafica contenuti e idee che ispirano tantissime attività concrete da fare in classe.

Si tratta di una sorta di diario scolastico di un bimbo che racconta le sue giornate a scuola, le sue scoperte e intuizioni e gli stimoli che la sua SUPER maestra da alla classe…

 

Il fatto di avere una narrazione di fondo, una storia stimolo da cui partire è un plus ma poi…ogni “capitoletto” introduce passo passo nel mondo dei rapporti, delle frazioni, dei confronti, percentuali, sconti, calcoli con frazioni e dei numeri “diversi” da come fino ad ora li abbiamo visti…”piú sono piccoli e piú sono grandi!” Dirá il protagonista…

Ci sono poi le famose “furbate” di cui i libri della Cerasoli sono soliti.
L’ approccio e i contenuti mi piacciono molto perché va dal continuo al discreto e non tralascia nulla…seppur nella semplicità.

Dà ampio spazio alle insegnanti per narrare, discutere e partendo da lí far far le scoperte e trarre le conclusioni agli studenti…che si sentiranno coinvolti perché il protagonista è un bimbo come loro…con preferenze e fatiche…con confronti e attimi di sconforto…e racconta il suo quotidiano..simile a quello dei nostri alunni.

Consigliato dalla fine terza…fino a 99anni

Lo trovate in tutte le librerie anche online e se volete vi metto un link diretto per l’acquisto
https://amzn.to/3CrxC1h

Fatemi sapere se lo avete già usato e come…scambiamoci idee…io già le sto segnando…

Tutti in cerchio – La geometria diventa facile -A. Cerasoli

Oggi sto pensando a qualche attività per riprendere la Geometria e introdurre la Misura in classe 4a…grazie al libro di Anna Cerasoli “Tutti in cerchio” che offre moltissimi spunti interessanti…🤩🤩🤩

“La geometria, secondo me, può servire a tutti. Anche a Nuvola, il cagnolino che si era perduto e che ora è mio. Infatti, certe volte, lui prova e riprova a entrare nella cuccia con l’osso in bocca, per andarselo a rosicchiare in santa pace, ma non ce la fa perché la porticina è troppo stretta. Non gli viene in mente di girare un po’ la testa per mettere l’osso in diagonale! Perché in diagonale ci entrerebbe.
E questa è una furbata di geometria. Ma lui non lo sa. Gliela vorrei insegnare”

Cosí inizia il testo….🤩🤩🤩

Come in ogni libro della Cerasoli, non mancano i riferimenti alla storia della matematica: si comincia con antichi Egizi, che erano costretti a ricostruire i confini dopo ogni piena del Nilo, si procede con i Babilonesi, inventori del grado sessagesimale per la misura degli angoli e si passa poi a Euclide, che risponde al faraone che non esistono percorsi facilitati per imparare la matematica.
Dopo le linee e vari modi per tracciarle si passa ai poligoni e altre figure… si possono considerare triangoli quadrati rettangoli e altri poligoni….somme di angoliaree e perimetri…la geometria come parte della realtà e nella realtá…costruire librerie…misurare mobili e la cuccia di Nuvola…♦️🔷◻️◾🔻

Si parla poi di misure e misurazioni, di estensioni equivalenze e simmetrie…per giungere alle tassellazioni ..il tutto con un filo conduttore e un simpatico e peloso personaggio…Nuvola appunto!
Ma si parla anche di composizioni e figure, di geopiano, di solidi e volumi
Davvero interessante e ricco di spunti…super consigliato…🤩🤩🤩

Io ho provato piegando fogli quadrati a fare solo rettangoli…solo triangoli…solo quadrati…ma poi si trovano anche altri poligoni…nelle pieghe…🤩🤩🤩

Ma anche un Tangram…per collegare tutto…anche il divertimento!

Il libro si trova facilmente nelle librerie anche online…o al link
https://amzn.to/3x1UosD

Il domino delle moltiplicazioni, classe 3a

Oggi vi pubblico questo materiale creato ed utilizzato in classe 3a come una sorta di riempitempo, esercizio di ripasso…il domino delle moltiplicazioni!
Naturalmente va benissimo anche in classe 2a o in altre classi per giocare e rinforzare!

Dopo aver stampato la scheda del domino (che vi metto in fondo all’articolo) ognuno sceglie da quale tessera cominciare, si ritaglia, si legge la moltiplicazione, e si cerca la tessera che riporta una moltiplicazione con lo stesso risultato e la si aggiunge vicino e così via, come un vero e proprio domino……l’ultima tessera, se abbiamo lavorato bene, riporterà una moltiplicazione con il risultato uguale alla alla prima tessera applicata…

Si gioca un po’ con le tessere sul banco e poi si incollano…creando un percorso di moltiplicazioni

 

Ecco il file del domino…buon lavoro!

Gessetti news…articolo STEM da Maestramarta e @prof Erika Maj

E voi ..lo avete già letto il nuovo numero di Gessetti???
È online da oggi e contiene articoli molto interessanti sul tema della scuola e delle buone  pratiche e a questo giro anche una mia collaborazione….trascinata e coinvolta dalla mia cara collega @prof.erikamaj e grazie alla fiducia di @cabriniprofdimate @perdin.dirigente @lascienzatraibanchi @epea.pteroenta

Parleremo di STEM, robotica educativa e laboratorio….curiosi? cliccate  e leggete!!!!

Lo trovate qui o cliccando sull’immagine…

Simmetria tra le lettere…con puffo Vanitoso, classe 2a

Il nostro lavoro sulla Simmetria, inziato osservando la tavola di Laisant e Elmer continua…

Ecco quindi Puffo Vanitoso che con il suo amato specchio ci invoglia a guardare le lettere dell’alfabeto maiuscolo attraverso di esso….cosa succederà alle lettere?

Puffo Vanitoso prova con la lettera A la quale si specchia uguale a se stessa….Puffo Vanitoso riesce ancora a leggerla A… prova poi con la lettera C ma purtroppo non si specchia in modo da poter essere letta ancora C… come potremmo mettere lo specchio?

Noi abbiamo a scuola dei bellissimi specchi che ci sono stati donati da una vetreria…in alternativa si possono costruire con cartoni o compensato ricoperto da una pellicola specchio…molto comoda, leggera e ben manipolabile dai bambini.

Aiutiamo Puffo Vanitoso…
  

 

Con la F le cose si complicano non si riesce a mettere lo specchio in modo da leggerla ancora F… e le altre lettere?

Al lavoro ancora con gli specchi ipotizziamo, pensiamo, sperimentiamo e verbalizziamo con alcune altre lettere..


Il nostro amico Puffo Vanitoso poi con il suo specchio comincia a cercare parole che possono essere lette allo stesso modo guardandole allo specchio…

Ne troverá?…..Aiutiamolo!!!!

Per fare questo è necessario ricordarsi quali sono le lettere che rimangono tali guardandole allo specchio….mettendo lo specchio ovunque, oppure solo sopra o sotto oppure solo a destra o sinistra…

A questo punto comincia la caccia alle parole che possono essere lette allo stesso modo guardandole nello specchio…prima mettendolo di fianco...

Dopo alcuni tentativi ci siamo accorti che le parole per essere lette allo stesso modo con lo specchio di fianco non solo devono essere formate dalle lettere che abbiamo ricordato, ma devono essere anche palindrome.. sennò non si possono leggere!!!!

Le parole palindrome con quelle lettere non sono molte per cui ne abbiamo inventate alcune

Siamo poi passati alle parole che restano tali mettendo lo specchio sopra o sotto…. qui ci siamo accorti subito che non è necessario che le parole siano palindrome…. basta che siano formate da queste lettere che abbiamo selezionato

Ecco che allora pian piano la nostra lavagna si riempie e noi ci divertiamo un sacco a trovare parole nuove…

Poi la maestra ci dà alcune frasi scritte in modo strambo dobbiamo capire come mettere lo specchio per poterle leggere…

 

Ci piace moltissimo questo lavoro e la simmetria….
…soprattutto usando gli specchi!!!!!

Continua a leggere