MateNatale classe 1a…i pupazzi numerini

Continuano le nostre attività a tema Natalizio in classe 1a…
stamattina ci siamo divertiti con i pupazzi numerini

Sono simpaticissimi pupazzi che hanno i numeri scritti sul pancione…ci siamo divertiti a contare e fare la somma che poi abbiamo scritto sul cappello…e poi abbiamo composto i nostri pupazzi…nel frattempo abbiamo discusso….
….alcuni avevano lo stesso risultato ma sul pancione c’erano numeri diversi….
“Ma certo maestra! Un numero si può fare in tanti modi…!”
“Maestra posso incollarli dal minore al maggiore?”
“Io dal maggiore al minore…”

Che divertimento!!!
Oggi poi era proprio la giornata giusta visto che fuori nevicava fortissimo!!!!

Eccoci mentre lavoriamo…

Ci siamo anche divertiti a comporre alcune puzzle natalizi…ritagliamo…mescoliamo le striscioline e poi ricomponiamo mettendo in sequenza i numeri…

Se volete ecco i file…dei pupazzi e dei puzzle riadattati da immagini trovate in rete…

Share

MateNatale…le stelle in classe 1a

Tempo di Natale…tempo di canti soavi, di alberi decorati, di brillantini e….allora anche in matematica ci siamo inventati un lavoro a tema….i lavori di MATENATALE!!!

Da oggi fino alle vacanze via alle attività natalizie con stelle, babbi Natale, pupazzi di neve , renne e alberelli decorati che ci aiuteranno a ripassare e contare divertendoci!!!

Per prima cosa il titolo….tutto da decorare….MATENATALE!

Oggi abbiamo iniziato con le stelle natalizie….

Leggo il numero sulla stella….conto e cerco gli spicchi con l’addizioni il cui risultato è uguale al numero sulla stella…ritaglio, incollo e completo la stella…
Gli spicchi con numeri diversi li incollo fuori dalla stella…sul quaderno…

Ecco il file del titolo e delle stelle da completare…

Share

Maggiore minore uguale, classe 1a

Oggi abbiamo letto la storia bellissima e molto divertente di “Alan Coccodrillo Tuttodenti” che si aggirava nella giungla facendo paura a tutti con i suoi grandissimo denti che poi però si scopre che….. vi lasciamo la curiosità…così vi farete anche voi una bella risata!!!

Da lì è partita una bella e coinvolgente discussione in cui abbiamo stabilito che i coccodrilli mangiano tantissimo e…secondo noi di fronte a due “mucchi” di cibo mangerebbero il più grosso per cui…il  maggiore! Qualcuno ha anche suggerito che poi magari mangerebbe anche il minore se non fosse stato abbastanza sazio il nostro coccodrillo!!!

Ci siamo soffermati quindi sulle parole maggiore e minore e abbiamo scoperto che maggiore può essere una sorella più grande…o un compagno più alto…o più paffutello….o magari nato prima…insomma ci sono molti modi di intenderle….queste parole…

“Ad esempio maestra, io e M siamo uguali uguali perchè siamo alti uguali ma io sono maggiore perchè sono nata prima!”
“Io e mio fratello gemello siamo uguali perchè siamo nati insieme ma io sono più alta per cui sono maggiore…”
“Io e lui siamo uguali come età ma io sono minore perché sono più basso…”

E…i numeri? I numeri si possono confrontare per stabilire quale sia il maggiore o il minore…o se sono uguali…

Abbiamo fatto alcuni giochi con le carte e poi abbiamo costruito il nostro coccodrillo Alan con il cartoncino verde bianco, gli occhietti mobili e due bottoni automatici per legare il tutto..

Abbiamo anche disegnato Alan sul nostro quaderno…con la bocca spalancata perché “E’ un coccodrillo golosone, pensa solo a riempire il suo pancione….guarda di qui, guarda di là e magia sempre solo la maggiore quantità!”
“Ma se la quantità è la stessa in ogni gruppo non sa cosa fare…resta di stucco!”

Poi abbiamo giocato a confrontare numeri e quantità sul pavimento tutti insieme ma anche sul quaderno da soli e a coppie…abbiamo usato le carte e i blocchetti colorati…si distribuivano a caso due carte o una manciata di blocchetti…si stimava, si contava si confrontava e si posizionava il coccodrillo…

Lo abbiamo usato spesso in questi giorni e abbiamo scoperto che se noi posizioniamo ALAN il coccodrillo tra due numeri possiamo dire….ad esempio…

5 E’ MINORE DI 17
17 E’ MAGGIORE DI 5

Ormai conosciamo benissimo Alan e al volo sappiamo da che parte mangerà…per cui ci siamo concessi un giochino simpatico e divertente…il gioco del coccodrillo che abbiamo fatto alla lim tutti insieme….COSA MANGERA’ALAN? Clicchiamo sulla bocca o sul numero adatto…

Noi ci siamo divertiti tanto tanto…e ADORIAMO il nostro coccodrillo ALAN!!!

Di seguito vi lascio se volete la scheda con le frasi e i disegni di Alan, una scheda da fare individualmente disegnando il coccodrillo e il giochino interattivo su maggiore minore e uguale che ho creato io con Power Point!

Buon divertimento!!! 

Share

1.1.2.3. Fibonacci Day 2019 classe 2a

E oggi è il 23-11…il Fibonacci Day…

Sull’onda di alcune bellissime attività viste in Internet ho deciso anche io di far conoscere seppur in modo veloce e non certo approfondito la figura di questo importantissimo matematico Italiano ai miei alunni di classe 2a…

Abbiamo cominciato a chiederci come mai proprio oggi e a parlare della data scritta all’Americana con mese prima del giorno per cui 11-23 e ho detto che questo è l’inizio di una successione di numeri molto famosa…la SUCCESSIONE DI FIBONACCI.

Subito le domande sono nate spontanee…ma chi era Fibonacci? e Soprattutto cosa è e come è fatta una successione di numeri? E quella di Fibonacci come è?

Abbiamo letto la scheda e cercato di capire che per successione si intende un insieme ordinato di numeri che non sono messi a caso ma sono legati tra loro…cioè c’è una regola per passare da uno all’altro…

Abbiamo visto alcune semplicissime successioni di numeri e una volta scoperta la regola le abbiamo un po’ continuate….

Ci siamo poi soffermati sulla successione di Fibonacci che era molto più difficile e con l’aiuto della maestra abbiamo capito che la regola è che ogni numero è la somma dei due numeri precedenti….ecco allora il nostro 1-1-2-3….

(attenzione…nell’ultima successione c’è un errore… è scritto 31 ma sarebbe 25…)

A coppie abbiamo quindi provato a pensare ad alcune semplicissime successioni di numeri e a proporle alla classe per continuarle e scoprire la regola

Alla fine abbiamo fatto un semplicissimo origami…un coniglio…perché la maestra ci ha detto che Fibonacci per spiegare la sua successione ha raccontato una storia di conigli che però è un po’ complessa e magari vedremo il prossimo anno….
Ecco il diagramma (trovato in rete) e le fasi di piegatura di questo semplicissimo coniglio..

Happy Fibonacci Day!!!

Ecco la scheda che ho consegnato ai bambini:

Share

Giochiamo con i numeri, classe 1a

Questa mattina per consolidare la conoscenza dei numeri fino a 20 che stiamo man mano acquisendo stamattina abbiamo sperimentato alcuni “tavoli di lavoro

La classe era organizzata in 4 isole e su ognuna era collocato il materiale per “giocare in un modo diverso con i numeri….

Ognuno di noi ha potuto sperimentare e divertirsi con tutti i giochi proposti perché ogni 30 minuti, al segnale della maestra si riordinava e ci si spostava nel tavolo successivo…

Nella prima isola abbiamo potuto giocare con un domino con i puntini…tutti conoscevamo il domino…chi degli animali, chi dei fumetti, chi dei personaggi Disney…ma con i puntini da 0 a 6 nessuno lo aveva visto…“Maestra sembrano i puntini dei dadi!”
Si mescolano le tessere, si distribuiscono e si comincia…accostando le tessere solo alla testa o alla coda  del domino…vince chi rimane senza…se non si ha nulla da attaccare…si passa al compagno successivo…

Nel secondo tavolo c’era un memory con numeri e manine che rappresentano i numeri…qui è stato necessario trovare una strategia per ricordarci dove sono le tessere…ad esempio metterle ordinate e rimetterle al loro posto per facilitare la memorizzazione….
Ci siamo divertiti e sfidati in molte “partite”…

Sul terzo tavolo si lavorava di conteggi…di completamenti di precedente e successivo e di serie di numeri…in ordine crescente e decrescente….
C’erano moltissime strisce con alcuni numeri già scritti e tante tessere con i numeri da aggiungere negli spazi vuoti per completare la serie dei numeri

Ultimo gioco matematico è quello che ci ha fatto più ridere…si chiama Componi il mostro…si tira il dado da 0 a 9 e a seconda del numero che esce si disegna sul corpo o un occhio, o una zampa, o una proboscide….ci siamo divertiti moltissimo…alcuni erano davvero mostruosissimi!!!

 

Alla fine abbiamo fatto un sondaggio per capire quale tavolo fosse stato il più gradito e relativo disegno…domani realizzeremo un istogramma per riordinare le nostre preferenze

Ringraziole colleghe Tatjana e Laura per alcune idee…geniali che ho copiato! 😉

Ecco il file del domino e del memory che ho scaricato dalla rete in siti free e riadattato alle mie esigenze , il file dei numeri con le strisce da completare e il file del mostro che invece ho realizzato io….



Share

Il numero del giorno classe 2a

Per farli riflettere su quanti sono i modi per scrivere o rappresentare un numero ho preparato, cogliendo idee e suggerimenti anche dai gruppi facebook e dal web, questa scheda in cui i bambini devono scrivere il numero scelto (per ora era il numero della data per non complicare troppo, ma poi sarà estratto a sorte dalla scatola dei numeri…) in parole, con addizioni o sottrazioni, con decine e unità, come coloritura di quantità, come lo scriverebbe Bubal ecc

Come vedete c’è un p’ di tutto, precedenti e successivi, maggiori e minori, pari e dispari, cannucce e rappresentazioni nella griglia del 99 numeri…
Sono tante rappresentazioni ma certamente non tutte…si comincia a riflettere…

 

E’ un’attività stimolante, a loro serve tanto e in più piace!!!
La prima volta l’abbiamo completata insieme poi una volta alla settimana la propongo, la svolgono in autonomia e la correggiamo insieme o ne parliamo…anche magari delle belle idee che son venute in fatto di operazioni o numero maggiori o minori…

Ecco qui la scheda che ho usato e che userò..

Share

In 2a… iniziamo con Bubal

Dopo un breve ripasso di accoglienza in classe seconda abbiamo letto la storia di Bubal e della sua grande invenzione…scritto dalla fantastica Anna Cerasoli…

Abbiamo innanzitutto cominciato a leggerla e a conoscerla, fino ad arrivare a scoprire il suo grande problema…
Bubal non voleva far uscire le pecore dal recinto anche se avevano molta fame e belavano giorno e notte perchè aveva paura di perderne qualcuna…

Cerchiamo insieme a Bubal una soluzione al suo problema…
Abbiamo lavorato e riflettuto a coppie poi abbiamo raccolto le nostre risposte, e abbiamo continuato a leggere il libro per scoprire la soluzione di Bubal

  

Bubal faceva dei segni…una X per indicare 10 pecore, una V per indicare 5 pecore e una I per indicare una pecora!!! Wow…geniale! Le nostre mani sono il primo strumento per contare…anche noi abbiamo imparato così da piccoli…
Ma quindi? Quante sono le pecore di BUbal? Contiamo seguendo i segni e il codice…

 

Che divertente!!!!!

Abbiamo fatto alcuni lavoro di conteggio codifica e decodifica di messaggi prendendo  le schede dal sito del Maestro Alessandro e ci siamo divertiti un mondo usando il codice di Bubal!!!!

Qualcuno di noi si è ricordato che questi simboli li ha già visti….in chiesa, sui monumenti, sull’orologio della nonna….e ecco che ci agganciamo…sono i numeri Romani…i romani usavano questi simboli per contare…cerchiamo alcune immagini e vediamo se riusciamo a capire che numero è….

Abbiamo anche realizzato con gli origami un coloratissimo cartellone con tutte le 87 pecore di Bubal…prendendo spunto dal sito Schoolmate…ecco qui le fasi concitate di piegatura e incollaggio…in modo che a colpo d’occhio si capisse che le pecore sono 87….8 file da 10 pecore e 7 pecore sciolte….

 

Abbiamo registrato quanto fatto sul quaderno:

E quindi ci siamo chiesti..ma…le pecore di Bubal…sono in numero pari o dispari?
Abbiamo cercato di capire cosa significasse pari e dispari…ne abbiamo discusso e siamo giunti alla conclusione che i numeri pari sono quelli che possono stare in fila per due e non avanzare nulla…noi ad esempio che siamo 13 siamo dispari…avanza sempre uno!

Possiamo capire se le 87 pecore sono pari o dispari? come fare?
La maestra ha messo a disposizione 87 pecorelle di polistirolo (sono quei pezzetti che servono da imballo…ma mi sembravano adatte a far da pecorelle…) e ha invitato a provare….
Prima confusione e ruberia di pecorelle da un gruppo all’altro poi la prima soluzione…mettiamole in fila per 10!


Guardiamole… riusciamo a capire se sono pari o dispari? No….allora???? Cosa potremmo fare…

Alla fine l’illuminazione!!! Mettiamole in fila per due…vediamo se avanza qualcosa…..

Avanza una pecore….allora le pecore di Bubal sono DISPARI….

Abbiamo registrato l’attività sul quaderno:

Abbiamo capito la regola e cioè che i numeri che finiscono per 2, 4 6 8 o 0 sono pari e gli altri dispari e abbiamo fatto alcuni lavori sul quaderno e con le carte come anche spiegato qui...

E così abbiamo concluso la storia di Bubal che ci ha coinvolto moltissimo…tanto che una mia alunna ha preparato a casa in autonomia un intero libro coloratissimo di pecore origami come quelle di Bubal e che poi mi ha portato per farmelo vedere… 🙂

Bubal comunque spesso ci torna in mente…quando dobbiamo contare o se ci capita di incontrare le pecore come l’altro giorno che erano proprio fuori da scuola e tutti i miei alunni strillavano “Maestra le pecore di Bubal!!!!” 

L’attività che ne è scaturita ha seguito molti spunti tra i quali quelli condivisi da generose e illuminate colleghe che ho conosciuto in facebook e quelli del già citato sito schoolmate, sanasaldero e il piccolo friedrich che non finirò mai di ringraziare! 😉

Share

Contiamo le ghiande…classe 1a

Lo so…siamo solo a ottobre ma…perchè no?
L’occasione è stata ghiotta…i bambini erano super coinvolti e …alla fine osare ha portato i suoi frutti!!! I bambini sono sorprendenti!!!!

Settimana scorsa siamo stati a fare una gita sul fiume Adda e abbiamo raccolto nel prato molte ghiande bellissime e molto grandi…da noi sono molto più piccole…ci hanno subito affascinato con i loro buffi cappellini…

“Maestra ne raccogliamo un po’?”
“Wow io ne ho prese tantissime…saranno 1000!!!”

Tornati in classe ci siamo fermati ad osservarle e abbiamo fatto alcune ipotesi…secondo voi quante sono?
Abbiamo stimato…ognuno ha detto la sua…qualcuno ha sparato alto, pochi basso ma…vediamo di scoprire quante sono ste ghiande!

Continua a leggere

Share

Con le carte da UNO…per contare veloci! classe 2a

Per la nostra routine del mattino ora che siamo in seconda e sappiamo contare e ordinare e anche confrontare i numeri, ho deciso di puntare un po’ sui conti…ancora entro numeri piccoli…fino al 20 con le carte da UNO.

E’ un’idea che ho visto in rete e che ho adattato ai miei scopi…si tratta di un gioco collettivo che facciamo all’inizio della lezione…
Un bambino viene alla cattedra, prende dal mazzo di carte da UNO (dalle quali ho tolto le carte cosiddette “speciali”) due carte…una la mostra ai compagni appoggiandola sul petto e l’altra la mette sulla testa in modo da non poterla vedere

A questo punto chiama un compagno che dirà la somma delle due cartequella che anche il bambino vede e quella che ha sulla testa.

Il nostro “concorrente” dovrà quindi indovinare la carta che ha in testa sapendone solo una…

 

In questo modo diventano davvero velocissimi sia nella somma (da dire al compagno che deve indovinare) sia nella sottrazione e a trovare tutte le strategie che portano a trovare il numero sulla testa…c’è chi fa quanto manca a…., chi cerca la differenza…chi conta indietro, chi aggiunge e chi magari ha già in testa il numero…

Il gioco si fa interessante quando le carte sono tre quindi due visibili e una nascosta…o quando lo si ripropone magari con carte entro il 20 o anche più…intanto ci alleniamo così…poi…si vedrà! 😉

Share

Laboratori di ripasso, classe 2a

Seguendo i consigli di Maita Bonazzi nella rivista Gulliver di settembre 2019,  modificando alcune proposte per adattarle alla nostra accoglienza, anche noi abbiamo “giocato” con i laboratori matematici di ripasso…

Ho diviso, come già fatto molte volte in 1a, la classe in 4 isole e ad ognuna ho assegnato un’attività, spiegata a voce e anche per scritto su un foglio lasciato sul tavolo, in modo da poter essere riletto… Continua a leggere

Share