Archivi tag: laboratorio

Pitagora e PitagoraLab classe 2a

In classe seconda per introdurre i multipli abbiamo letto la storia di Pitagora dal libro “Pitagora e il Numero Maledetto” e abbiamo scoperto alcune Informazioni sul grande matematico, la sua vita e i suoi viaggi…Abbiamo anche scoperto che aveva fondato una scuola pitagorica in cui si diceva che TUTTO E’ NUMERO e vi erano regole molto ferree…
Ci siamo immedesimati nei pitagorici di Crotone di allora e anche noi ci siamo “tatuati” il pentagramma, cioè la stella a cinque punte sulle mani…il nostro segno di riconoscimento…

Abbiamo ricercato anche noi i numeri nella nostra vita quotidiana, nella scuola, a casa, negli ambienti di ogni giorno….

I Pitagorici pensavano che ogni numero si potesse rappresentare con una forma geometrica…triangolare, quadrata o rettangolare…loro usavano dei sassolini per rappresentare i numeri…noi abbiamo provato con i tappi e registrato sul quaderno…

 

Abbiamo poi cercato di andare oltre...di vedere ogni modo per formare i numeri e abbiamo capito che alcuni numeri sono solo rettangolari, altro solo quadrati, altri ancora possono essere rappresentati in più forme…triangolari se sono la somma di numeri consecutivi (es 1+2+3+4…), e rettangolari se sono formati da righe e colonne che si ripetono...speciali sono i rettangoli che hanno lo stesso numero di righe e colonne…definiti numeri quadrati

Abbiamo provato ancora con i tappi e fatto “timbri” per rappresentare i numeri in tutte le forme…

Idee e spunti per questo lavoro li potete trovare anche sul sito IlPiccolo Friedrich…

Per divertirci un po’ poi abbiamo giocato con i Pitagora Lab….3 laboratori a tema Pitagora per ripassare e consolidare i concetti…

Primo Lab…il Memory, pensato dal collega Maffia e realizzato dalla collega Felicia Palumbo che lo ha messo a disposizione in Facebook…
Si tratta delle tessere dei numeri fino al 25 del cosiddetto “Pentanomio” ovvero la realizzazione e organizzazione in tabella dei numeri rettangolari…

Ho stampato i file che vi allego, ritagliato e incollate le due parti su cartoncini di colore diverso per aiutare i bambini nel lavoro…sono infatti 25 tessere per tipo tra quelle con il prodotto dei numeri e quelli con il numero che debbono essere associate

Attenzione!!! Importante la forma…non solo il risultato!!!

 

Secondo PitagoraLab lo abbiamo chiamato UOVA PITAGORICHE…ho ottenuto dal supermercato vicino casa i cartoni delle uova 6×5 che loro scartano…ho ritagliato in modo da formare il più possibile di casi di numeri rettangolari e quadrati..

I bambini dovevano mettere nei portauova i tappi, contare righe e colonne e scoprire il numero…poi registrare sul foglio il lavoro...

Terzo Lab è stato “Noi come Mondrian”…proposto dalla collega Giusy Barbieri in un gruppo Facebook di matematica mi ha subito colpito l’associazione Arte e Matematica…Mondrian poi lo abbiamo appena conosciuto per i colori primari per cui ci stava a fagiolo…

Consegna…osservare il quadro di Mondrian, completarlo colorando quadretti con i colori primari e calcolare di questi il numero…osservando righe e colonne e registrando…

Poi possiamo creare il nostro personale Mondrian…tracciare righe che formano rettangoli, colorare e realizzare il nostro Mondrian con i pixel della Lego

 

Ci siamo divertiti moltissimo e abbiamo parlato per due ore di numeri in forma, di Pitagora di multipli, di righe e colonne

Ecco il link al Libro “Pitagora e il numero Maledetto” di Novelli
Pitagora e il numero maledetto

Ecco il link alle schede che ho consegnato ai bambini nei vari laboratori con le consegne e per la registrazione delle attività:

Ecco anche il link per stampare il memory del Pentanomio di Maffia realizzato dalla collega Palumbo

Un grazie ENORME come sempre alle mie insostituibili MATESORELLE Giusy, Cristina e Patrizia con le quali ho avuto il privilegio di condividere idee, riflessioni e materiali. 🙂

Amici del 10…laboratori a isole Classe 1a

Stamattina in classe 1a…ancora amici del 10
4 tavoli…4 attività…20 minuti ogni attività…

Allo stop della maestra si riordinano i materiali e si cambia postazione…
🤩🤩🤩

Primo tavolo: uova del 10
All’interno di un portauova di cartone da 10 ho segnato i numeri da 0 a 9.
A turno i bambini scuotono la scatola che contiene una biglia, aprono, leggono il numero su cui si è posizionata la biglia e registrano nella scheda il numero e il suo amico per fare 10!

 


Secondo tavolo: puzzle degli amici del 10.
Ho preparato il puzzle che vi allego, stampato in colori differenti, plastificato e ritagliato.
A gruppetti i bambini ricompongono il puzzle, poi prova un singolo bambino in ogni gruppetto e gli altri controllano se il lavoro è ben fatto….

   


Terzo tavolo: spinner del 10 a coppie
Ho preparato un file (che vi allego) modificando una scheda trovata online…
Si ritaglia lo spinner stampato su carta…si infila al centro un ferma-campione e un fermaglio che ruoterà liberamente segnando di volta in volta un numero…si legge il numero e si cerchia sulla scheda il corrispondente amico per fare 10!
Si gioca a coppie o gruppetti…ognuno segna i numeri in un colore scelto…si cerca di fare il più possibile di numeri in fila…quale sarà la fila più lunga dello stesso colore?


Quarto tavolo: ricomponi le uova
L’anno scorso avevo comprato queste uova di plastica online e già proposto questo gioco che era molto piaciuto…
I bambini hanno a disposizione le uova “smontate”. Su ogni metà uova c’è un numero….si prende una metà uovo…si legge il numero e si ricompongono le uova in modo che la somma dei due numeri sia 10…

 

Le uova di plastica le ho acquistate qui…
48 Uova Riempibili di Pasqua Riempitivo, Ogni Uovo: 6x4cm, Terrà l’uovo di Crema


Mattinata alternativa divertente e istruttiva…… Il tempo è volato!!!!
🤩🤩🤩🤩

 

Primo approccio ai “giochi matematici” classe 1a

Per avvicinare i bambini ai numerosi materiali e attività che aiutano a “fare matematica” senza per forza “sembrarematematica…ho pensato una volta al mese di introdurre i “laboratori” come li abbiamo definiti anche se in queste prime esperienze non risultano molto operativi e collaborativi come dovrebbero essere i “veri” laboratori, ma sono più sperimentazioni…ecco perché li definisco un approccio…

Ho preparato la classe in 4 isole e ho sistemato i materiali in modo che i bambini li vedessero già da subito e immediatamente provassero a capire “cosa fare”

Le domande più frequenti sono state “Maestra ma perché i banchi  sono così? Ma perché queste cose? Possiamo toccarle? Ma COSA DOBBIAMO FARE?…”

Ho detto loro di veder di capire come fare, sperimentare, darsi da fare e in un attimo si è capito….sono giochi…che bello!!! Ma allora oggi NON facciamo matematica? 😉

Questi sono stati i materiali che ho proposto..pensati per rafforzare la logica, la percezione spaziale e l’attenzione… Continua a leggere